Chi siamo

Nuvolab e una rete di partner in continua crescita

Abbiamo a cuore la Rainforest italiana
Guida Startup è una iniziativa di giveback promossa da Nuvolab, venture accelerator e innovation advisor, con il supporto di tutti i Partner che ci vogliono supportare nel far crescere la Rainforest italiana.

Francesco Inguscio
Ceo & Rainmaker Nuvolab

Nuvolab
Venture Accelerator & Innovation Advisor

l nostri partner

Noonic
Tech company specializzata in consulenza digitale e sviluppo e-commerce

Startup Geeks
La più grande community di startupper italiani. Network, formazione e mentorship

Studio Leardi
Studio legale specializzato nella gestione della proprietà industriale ed intellettuale

BPlan Center
Società specializzata nella redazione di business plan e supporto manageriale 

Trovabando
Piattaforma online che, tramite l’ AI, favorisce l’accesso a finanza agevolata

Noonic
Tech company specializzata in consulenza digitale e sviluppo e-commerce

Startup Geeks
La più grande community di startupper italiani. Network, formazione e mentorship

Studio Leardi
Studio legale specializzato nella gestione della proprietà industriale ed intellettuale

BPlan Center
Società specializzata nella redazione di business plan e supporto manageriale 

Trovabando
Piattaforma online che, tramite l’ AI, favorisce l’accesso a finanza agevolata

 Perché lo stiamo facendo 

Perché siamo all’interno di questo mondo da diversi anni e vogliamo fare qualcosa per permettere all’ecosistema italiano di continuare a crescere. Lo vogliamo fare con il supporto di tutti gli altri player di questo mondo, per fornire a chi vuole conoscere meglio questo mondo una mappatura trasparente, autorevole, utile e indipendente.

Tutti sappiamo che l’Italia è indietro rispetto alle altre nazioni europee riguardo le startup.
Mentre nel resto del mondo l’innovazione esce dalla Silicon Valley e gli investimenti dei VC e CVC aumentano sempre di più negli anni, nel panorama nostrano ci troviamo ancora a faticare per raggiungere un livello di investimenti che possa essere soddisfacente.
Questo è stato generato anche a causa delle numerose iniziative che non hanno portato risultati tangibili e che non sempre hanno permesso all’ ecosistema di migliorare e di crescere nel giusto modo.
E’ stato un processo giusto e giustificato dalla sua fase di sviluppo ma  ora c’è bisogno di un ulteriore step verso una successiva evoluzione.

Non siamo interessati a lucrare sulle startup, né ad
utilizzare il nome “startup” per cavalcare l’ennesima onda
di opportunità e possibilità che questo mondo propone in quanto “attrattivo”.

Vogliamo, anzi, mettere in connessione i migliori player con le migliori startup, supportare queste nello sviluppo
ed accompagnarle verso un percorso che permetta loro di
crescere attraverso l’ecosistema Italiano, senza dover per forza appoggiarsi da subito a nazioni che sono molto più avanti di noi.

Non stiamo solo parlando di qualità del contatto ma anche di adeguatezza: non tutti gli abilitatori sono uguali, alcuni hanno specializzazioni verticali, dove hanno investito il loro know how, altri pur essendo generalisti hanno particolari qualità.
Le startup devono sapere “who is who” e come questo può essere loro
d’aiuto.

Dall’altro lato, lavoriamo per far emergere gli enabler: vogliamo cioè che chi in questi anni ha lavorato in maniera efficace, generando valore a scapito di profitti di breve termine, raccolga i frutti della propria attività e goda delle ricompense di queste virtuose azioni.

Da ultimo, vogliamo un ecosistema accessibile: l’iniziativa non è rivolta ad un territorio particolare ma guarda all’ intera nazione. Chi parte da condizioni svantaggiate, come ad esempio non essere localizzato nelle grandi città, deve aver l’opportunità di capire come far leva su determinate strutture. Ad esempio appoggiandosi localmente all’ enabler più vicino, per poi continuare la relazione con enabler di altri territori. In questo, gli svantaggi legati al gap di localizzazione potranno essere minori e instaurare un circolo virtuoso di reciproco aiuto.

In sintesi, vogliamo rendere più trasparente, connessa, rigogliosa e forte la Rainforest italiana.